mercoledì 14 febbraio 2018

Ti presento un'amica, anzi due! Barbara Brandimante e Alice Pivari







E' inutile girarci molto intorno,  voglio essere sincera: i miei vari profili social non avrebbero visto la luce se non fosse che ho capito da subito che  per la promozione delle mie creazioni sarebbero stati fondamentali; all'inizio ho pensato : mi iscrivo a Facebook, e anche a Pinterest e pure a Instagram ma pubblico solo le foto dei prodotti.



Non avevo considerato una cosa: per noi che viviamo nel magico mondo dell'handmade, il confine tra te e le tue creaturine non esiste, è inevitabile portare un pò di se stesse in tutto ciò che si fa, e va da se che presentare un prodotto significa inevitabilmente presentare anche te: chi sei, perchè fai quel lavoro e come lo fai.

Non pensavo assolutamente che mi sarei ritrovata a farmi i selfie (IO!?!?), raccontare di me, mostrare il laboratorio ,che è un pò come casa mia, e qualche volta anche proprio casa mia.
.
E un'altra cosa che non avevo messo in conto è che esiste un mondo di artigiane e crafter bravissime con le quali è importante confrontarsi e supportarsi ogni giorno.

Uno dei miei posti preferiti è il salotto "virtuale" Oggi mi regalo un gruppo facebook creato e gestito da Elisa Magna, Michela Bettinelli e Gerarda Boriello , che hanno riunito una squadra di hobbiste e artigiani fantastica che chiacchierano, si conoscono, si scambiano conoscenze e consigli ...e anche regali.

Si si, regali: a dicembre le padrone di casa hanno organizzato uno swap tra creative, Bespecial2018, abbinando segretamente ad ognuna una collega che da quel momento diventava la sua "Special person" ; Ognuna di noi ha seguito i profili della sua abbinata cercando di capire i suoi gusti e ha realizzato per lei una creazione personalizzata, che doveva arrivare a destinazione entro Natale.

E' stato davvero divertente partecipare e mi ha permesso di conoscere meglio due fantastiche crafter all'interno del gruppo, e sono davvero felice di presentarle  anche a te : Alice Pivari di Officina Party Box a cui ho spedito una tazza che ho personalizzato con un pupazzetto di lei in versione elfo natalizio, e Barbara Brandimante di Colla Carta Creo da cui ho ricevuto un paio di favolosi orecchini.

















Dopo averle conosciute ho proposto un'intervista per questo blog che hanno accettato volentieri, ed ecco come si sono raccontate le mie fantastiche colleghe creative:







"Sono Barbara Brandimarte, vivo a Pescara, ancora per poco perché con mio marito e i miei 2 gatti matti, tra qualche mese, mi trasferirò in Svizzera a Zurigo. 
Sono laureata in Architettura. Amo l'arte in ogni suo genere, in qualunque modo essa si esprima. Amo la fotografia e sono grande appassionata di ritratti, macro fotografia e mi piace cercare la bellezza nelle cose che gli altri reputano ordinarie ma per me sono straordinarie. La mia reflex la porto con me ogni volta che posso. 
Adoro la montagna, il freddo e la neve...la vorrei 365 giorni l'anno. Non solo perché appena la vedo prendo il mio fidato amico snowboard e corro tra le piste per fluttuare su di lei come se volassi, ma perché la neve rende meraviglioso tutte le cose su cui si posa. Potrei guardarla per ore. 
Non riesco mai a stare ferma per più di 2 settimane nello stesso luogo e così io e mio marito viaggiamo spesso: una passione che ci accumuna entrambi. L'idea di vedere sempre posti nuovi, conoscere tradizioni, storia ed architettura dei luoghi che visitiamo mi fa sentire ogni volta sempre più arricchita di qualcosa che porterò con me al mio rientro.

Colla Carta Creo nasce per caso. In particolare il nome, nato chiacchierando con la mia migliore amica davanti una bottiglia di vino. 
Come dicevo prima sono laureata in Architettura ma ho scelto di non fare l'architetto. Vedevo i miei amici laureati prima di me, ancora dopo 2-3 anni senza uno stipendio adeguato, in una minuscola realtà come la nostra non certo ricca di opportunità. E così ho deciso di cambiare rotta. 
E' iniziato tutto per scherzo, per il mio matrimonio. Non volevo assolutamente il classico matrimonio banale e scontato come tutti e di conseguenza nemmeno le classiche bomboniere, partecipazioni e via dicendo. E' stato allora che ho deciso io di realizzare inviti e bomboniere, ma in modo stravagante. Ho sempre avuto la vena artistica, buona manualità e grande creatività. Ne uscì un matrimonio anti convenzionale e molto handmade.
 Ma fu in quel momento che pensai che tutto questo sarebbe potuto diventare un lavoro. Da quell'istante la carta era diventata la mia passione, la mia vita, la mia ossessione. 
Ho iniziato a studiarla, a studiare le tecniche per realizzare packaging, biglietti pop-up, origami. Ed è così che ho iniziato a fare i miei primi lavori. Da lì a realizzare gioielli con la carta, il passo è stato breve. Ho seguito un corso a Piacenza con una designer bravissima e sopratutto una persona squisita, con cui sono rimasta in contatto, Angela Simone, che mi ha insegnato la tecnica per realizzare perle di carta. 
Quello fu il primo passo per l'inizio della realizzazione della mia linea di gioielli di carta.





Creo collane di carta utilizzando la tecnica del Quilling, che consiste nell'arrotolare strisce di carta di varia misura, dalle quali ottengo delle perle, di varia grandezza e forma, con le quali realizzo le mie collane, che impreziosisco con perline di vario tipo, in particolare di ceramica. Ma questa è solo una delle tecniche che uso. Realizzo anche orecchini, ciondoli ed anelli sovrapponendo vari strati di carta, accuratamente tagliati in precedenza, in modo da ottenere una forma tridimensionale. Una sorta di estrusione, come diremmo noi architetti nel gergo del disegno digitale. 

Come spiegavo prima, per arricchire le mie collane, inserisco perline di vario tipo. Ma quelle che le rende particolari ed uniche nel loro genere sono gli elementi vuoti che inserisco tra le perle di carta, al contrario, piene. Voi direte: " Com'é possibile?!" Perché disegno, taglio e poi assemblo il volume che ne voglio ricavare. Ottengo dunque volumi di forme e grandezze diverse, che aggiunti agli altri elementi creano questa sorta di gioco di perle piene e vuote.

Per mostrare e vendere le mie creazioni, utilizzo un marketplace molto diffuso, fatto apposta per noi artisti e artigiani, che si chiama Etsy. Ovviamente il mio shop prende il nome dl mio brand: Colla Carta Creo. Ho anche un sito internet dove poter leggere le mie pagine di blog, con le mie idee, le mie ispirazioni, i miei tutorial....che dovrei aggiornare di più...lo so sono una capra...ma mi occupo di  talmente tante cose per il mio brand che ci vorrebbero almeno 5 me! Mi potete seguire sulla mia pagina Facebook e su Instagram .
 Inoltre se verrete a visitarmi nel mio sito e vi iscriverete alla mia newsletter, non solo sarete informati sulle novità delle mie creazioni e sugli eventi dove sarò presente, ma sarò felice di regalarvi un buono sconto da utilizzare per un'acquisto nel mio shop.




I miei progetti per il futuro in questo momento sono tanti, ho così tante idee e cose da voler realizzare che ho quasi mal di testa e penso sempre :" riuscirò a farle dato che sono da sola e devo occuparmi di tutto, dal realizzare le mie creazioni, al sito, allo shop?" Però ho in cantiere un progetto in effetti. E' quello di realizzare pezzi unici, eccentrici e particolari da esibire in una mostra che si terrà quest'anno. La selezione tra artisti e designer sarà dura ma io sono tosta e ci voglio provare. Per scaramanzia non aggiungo altro, incrocio le dita e se volete saperne di più seguitemi. Scoprirete se il mio progetto è andato in porto oppure sarà un :" ok, ci riprovo ancora l'anno prossimo". In effetti la vita è cosi, un continuo evolversi...come la carta d'altronde. "


Ed ecco Alice :


" Innanzitutto voglio ringraziarti per avermi invitato qui nel tuo mondo meraviglioso.
Mi chiamo Alice Pivari, 33 anni, vivo a Parma, la mia città, con il mio compagno e la nostra bambina di tre anni e mi piace definirmi mamma full time, architetto part time (mezza giornata la passo impiegata in uno studio tecnico), e assolutamente crafter inside!
Sono sempre stata creativa, fin da piccola, uno dei ricordi più belli che ho in questo senso siamo io e la mia mamma che coloriamo la pastina all’uovo a forma di stelline e la incolliamo a disegnare farfalle.   Mi piace molto pensare di essermi portata nel mondo degli adulti una fettina della mia infanzia. 
In più sono un’entusiasta di natura, e ho la necessità di tenermi sempre impegnata; ho cercato più volte di rallentare il ritmo ma non sono capace di fermarmi e così ho deciso di sfruttare il lato positivo di questa cosa, creo.



Il mio brand Officina Party Box nasce alla fine di maggio 2016 dalla voglia di creare e da una grande passione per le feste, forse anche in questo caso retaggio della mia infanzia; i miei genitori insieme con i miei zii hanno sempre realizzato per me dei super compleanni. Allestimenti, giochi, costumi, non mancava mai nulla ed è sempre stato speciale festeggiare..sapevo che ogni volta mi avrebbero stupito..quei ricordi resteranno sempre con me e sicuramente dalla memoria di quei momenti viene la voglia di rendere indimenticabile ogni party.



Nella mia Officina realizzo quello che occorre per rendere unico l’allestimento di una festa, che per me può nascere da ogni occasione che per un qualche motivo sia speciale. Come mi piace dire, se vuoi festeggiarlo, puoi farlo!
Che si tratti di un compleanno, un battesimo, un addio al nubilato, un matrimonio, una volta scelto il tema lo elaboro e lo personalizzo; posso realizzare l’occorrente per la tavola, toppers, tag per le cannucce, etichette per bottiglie e bicchieri, banner per la tavola e la torta e, una cosa che amo particolarmente, un piccolo gadget per i festeggiati e i loro invitati, che così si portano a casa un po’ della magia della festa. Oppure per quanto riguarda l’area wedding mi occupo delle partecipazioni, del tableau mariage, dei menu, insomma di realizzare il coordinato grafico per gli sposi.

L’ultimo atto è mettere tutto dentro una scatola, da qui le Box e il mio mondo che ho chiamato 
‘Alice e le scatole delle meraviglie’.

Credo che la personalizzazione sia l'ingrediente magico di tutte le mie creazioni. La possibilità di scegliere il tema della propria occasione e vederlo prendere forma. Ho sempre creduto (e continuerò a farlo) che pensare e realizzare qualcosa appositamente per qualcuno fosse un valore aggiunto a quanto il destinatario avrebbe ricevuto. E quando ho iniziato a lavorare per la mia Officina mi sono detta 'questo valore aggiunto sarà il mio regalo per chiunque sceglierà le mie creazioni per la sua festa, per il suo giorno speciale'.
Il mio motto (e il mio personale hashtag) è ‘goditilafesta’ che è anche la mia mission. Il mio obiettivo è infatti quello di farti vivere il tuo momento speciale nella serenità che merita.
Preparare una festa può diventare particolarmente stressante e così si rischia di perderne l’essenza.
Per me non deve assolutamente accadere ed è per questo che mi offro di fare io quella parte di preparativi che rischia di mandarti in panico e che invece per me è estremamente divertente.



Mi potete trovare insieme a tutte le mie creazioni sul mio profilo Instagram officinapartybox oppure sulla mia pagina Facebook e al momento sto lavorando per aprire la mia vetrina su Etsy.

 Sicuramente le parole del mio 2018 saranno collaborazione e crescita. Lo scorso anno è stato quello in cui mi sono messa in gioco. Ho messo la mia faccia sui social, ho partecipato alla mia prima fiera e mi sono buttata nel mondo delle crafter, iniziando a conoscerle. È stata una splendida scoperta, che mi ha portato anche qui da te e che mi ha dato maggior fiducia, soprattutto perché mi sono rispecchiata molto nel lato umano, di confronto, di supporto e di stima reciproca di questo mondo, che spesso purtroppo viene meno nella realtà quotidiana.
Inoltre in primavera torneranno le mie addioalnubilatopartybox e ci tengo particolarmente perché sono state le mie prime creaturine. Sono la mia proposta per un addio al nubilato originale, ma diciamo sobrio, e quest’anno le rinnoverò. Se avete amiche che si stanno per sposare non potete perdervele! Insieme con la proposta wedding che quest’anno crescerà notevolmente....non aggiungo altro!

Sono davvero felice di aver ospitato in Bottega queste due donne fortissime...
Non trovi anche tu che il mio sia stato un'incontro fortunato? Dai uno sguardo ai profili di Alice e Barbara e entrerai in mondi davvero meravigliosi! Aspetto i tuoi commenti.


lunedì 5 febbraio 2018

Tutorial: l'appendino per calzini smarriti


                                                                           
                                                                         



Sui calzini smarriti sono stai versati fiumi di inchiostro: come è possibile che li mettiamo insieme in lavatrice e alla fine del lavaggio sistematicamente ne viene fuori soltanto uno?
E' un mistero che non avrà mai fine, cosi come quello che, come per magia, fa riapparire il calzino solitario a distanza di tempo....


Ora io non sono in grado di darti la soluzione, ma posso spiegarti come fare un appendino utile e colorato per la camera dei bimbi, o perchè no per rallegrare la lavanderia, dove custodire la povera calzetta spaiata in attesa che si materializzi la sua compagna, per tornare insieme felici nel cassetto della biancheria.

E' un procedimento semplice e divertente, in cui potrai coinvolgere anche i piccoli di casa per passare un pomeriggio creativo.

Ecco l'occorrente per l'appendino:

Una tavola di circa 20/25 cm (per appendere tre calzini)
Colori acrilici e pennello
Due gancetti a triangolo (di quelli per i quadri)
Tre mollette da bucato in legno
Bottoni colorati
Colla vinavil


   
Per prima cosa scegli un colore e stendilo in modo uniforme sulla tavola




Aspetta che il colore sia completamente asciutto e con martello e chiodini fissa sul retro i triangoli metallici che ti permetteranno di fissare al muro l'appendino; io ti consiglio di metterne due alle estremità della tavola.




Ora ci dedichiamo alla decorazione delle mollette che reggeranno il calzino, scegliendo dei bottoni colorati e incollandoli alla parte bassa delle mollette




Appena i bottoni saranno fissati bene puoi mettere la colla sul retro di ogni molletta, e applicarla sulla tavola.




A questo punto l'appendicalzini è pronto !




E' stato facile vero? Io ho personalizzato il mio con una scritta e dei fiori in feltro...tu puoi decorarlo seguendo la fantasia.



Un'idea in più:
con lo stesso procedimento puoi realizzare dei porta memo per la lista della spesa e gli appuntamenti, e sostituendo le mollette con dei ganci a L, che trovi dal ferramenta e si avvitano molto facilmente, puoi creare un portachiavi.


Allora, pronta per creare insieme ai nanetti di casa? Mettetevi subito all'opera e condividete le foto delle vostre creazioni sulla pagina facebook della Bottega della Strega.


Ti è piaciuto questo post? allora condividilo! e se non vuoi perderti i prossimi iscriviti alla mia newsletter.